Blog

iTools® Designer Extra Objects

Dalla versione iTools® 3.5.0.1 in poi in iTools® Application è possibile importare oggetti da assembly esterni mediante la sottoscrizione di alcune convezioni di ambiente. Gli oggetti importati vanno a popolare la Toolbox di ambiente e possono essere utilizzati come tutti gli altri oggetti in fase di progettazione ed esecuzione dell’applicazione iTools®

Come creare un oggetto personalizzato

 

Per aggiungere un oggetto personalizzato occorre creare un progetto di tipo Class Library mediante Visual Studio con una versione di .NET compatibile a quella utilizzata dall’applicazione IToolS, la versione 3.5.0.1 di iTools® Application utilizza il framework .NET 4.

Aggiungere i riferimenti agli assembly iTools® e ad eventuali altri assembly di terze parti necessari all’oggetto da importare, gli assembly iTools® sono:

Occorre anche aggiungere l’assembly .NET “System.Drawing.Design.dll” necessario per specificare l’icona che identifica l’oggetto.

Il nome dell’assembly generato deve sottostare ud un preciso pattern che consente al sistema di identificare le dll da caricare, in particolare il pattern da seguire è “IToolS.Solution.Objects.*.dll” e “IToolS.Solution.Objects.*.exe”, un esempio congruo può quindi essere:

                “IToolS.Solution.Objects.Extra.dll”

A questo punto per ogni oggetto che si desidera creare, occorre aggiungere una classe che eredita da “IToolS.Solution.ObjectBase”, tipo base utilizzato dalle applicazioni iTools®, la classe ereditata mette e disposizione una serie di metodi virtuali al fine di poter inserire il comportamento dell’oggetto creato e una sua procedura di inizializzazione:

 

Come si vede dal codice riportato sopra per specificare una immagine che identifica visivamente l’oggetto creato, occorre utilizzare l’attributo ToolboxItem che consente di definire il tipo e il nome dell’immagine da utilizzare per l’oggetto.

Per definire quali oggetti possono ospitare il nuovo oggetto occorre utilizzare l’attributo “HostObjectTypesAttribute” che consente di specificare i tipi che possono contenere il nuovo oggetto e la cardinalità assegnata all’oggetto, ovvero quanti oggetti è possibile inserire. Nel caso questa proprietà non sia impostata il sistema non pone limiti al numero di oggetti inseriti.

Per implementare il comportamento dell’oggetto in fase di inizializzazione, avvio e arresto dell’oggetto sono presenti tre metodi specifici:

 

 

Per importare l’assembly generare e quindi gli oggetti in esso contenuti, è necessario che l’assembly sia posizionato nella stessa directory di esecuzione dell’iTools® Designer in fase di progettazione, e nella stessa directory di esecuzione dell’iTools® Application in fase di esecuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × quattro =