Blog

Custom Driver Types

Questo documento illustra come è possibile creare dei tipi di dato personalizzati e utilizzarli nello scambio dati dei driver iTools®. Ogni driver è in grado di gestire i propri tipi di dato nativi come possono essere ad esempio gli interi, reali, byte, stringhe, ecc…, così da poter definire delle Variable con VariableType impostato su uno dei tipi gestiti dal driver:

Variable.VariableType = “Integer”; 

A volte vi è la necessità di utilizzare tipi di dato aggiuntivi ad esempio nel caso in cui sul protocollo nativo sia stato implementato un “dialetto” al fine di facilitare lettura impostazione delle informazioni da scambiare, sicuramente queste procedure non sono vincolanti, in quanto vi possono essere diverse alternative per gestire situazioni in cui le informazioni da scambiare non rispettano gli standard imposti dalle specifiche del protocollo di comunicazione, però facilitano molto lo sviluppo del processo applicativo che implementa le funzionalità richieste dall’utente. Attraverso questa nuova caratteristica presente a partire dalla versione 3.3 del framework IToolS è possibile inserire nel codice utente implementazioni personalizzate dei tipi di dato gestiti dal driver in grado di contenere informazioni che per loro natura non potrebbero essere inserite nei tipi di dato predefiniti. Come esempio si potrebbe prendere in considerazione la rappresentazione di un dato che a parità di informazione può avere rappresentazione differenti, si pensi alle stringhe in formato ascii o unicode, l’ordinamento dei byte o delle word che possono comporre un numero reale (a parità di informazione corrisponde una rappresentazione differente e quindi un numero differente), oppure potremmo avere la necessità di gestire dati complessi che sono l’unione di più dati elementari. Grazie a questa opzione è possibile scrivere il proprio tipo di dato e darlo in gestione al driver che lo tratta allo stesso modo dei tipi in esso nativi, questo vuol dire che come gli altri tipi sarà soggetto a ottimizzazione sia in lettura che in scrittura e comunque come previsto dall’implementazione del driver in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − quattro =